ANNATA:

2020

PRODUTTORE:

Terre del Veio

PUNTEGGIO:

87

NAZIONE:

Italia

REGIONE:

Lazio

FILOSOFIA PRODUTTIVA:

Convenzionale

COLORE:

Bianco

TIPOLOGIA:

Secco

DENOMINAZIONE:

Igp

FORMATO BOTTIGLIA (L):

0,750

GRADAZIONE (%):

13

PREZZO:

9

UVE:

Bombino Bianco 100%

DEGUSTAZIONE:

Paglierino scintillante. Intensa e avvincente la dote aromatica con ricordi di litchi ed erbe officinali, miele millefiori, mela Fuji e tanto d’agrumi. Sorso di assoluta verticalità, dove freschezza e tensione minerale creano il giusto presupposto per affrontare i migliori piatti della cucina di territorio.

ABBINAMENTO:

Tonnarelli cacio e pepe

ANNATA:

2020

PRODUTTORE:

Terre del Veio

PUNTEGGIO:

87

NAZIONE:

Italia

REGIONE:

Lazio

FILOSOFIA PRODUTTIVA:

Convenzionale

COLORE:

Bianco

TIPOLOGIA:

Secco

DENOMINAZIONE:

Igp

FORMATO BOTTIGLIA (L):

0,750

GRADAZIONE (%):

13

PREZZO: 

9

UVE:

Bombino Bianco 100%

DEGUSTAZIONE:

Paglierino scintillante. Intensa e avvincente la dote aromatica con ricordi di litchi ed erbe officinali, miele millefiori, mela Fuji e tanto d’agrumi. Sorso di assoluta verticalità, dove freschezza e tensione minerale creano il giusto presupposto per affrontare i migliori piatti della cucina di territorio.

ABBINAMENTO:

Tonnarelli cacio e pepe

MATURAZIONE

Inox

TEMPERATURA

10° C

BICCHIERE

Bianco

QUANDO BERE

dal 2021

Impossibile farsi in poco tempo un’idea generale della viticoltura attorno alla Capitale. Ho visitato ville e fattorie, girando continuamente, ma questa volta mi sono spinto ancor più in là e con un folto numero di amici del vino ci siamo soffermati a contemplare con gli occhi sbarrati le vigne dell’azienda Terre del Veio, che si nutrono dei suoli dell’omonimo Parco Naturale.

Qui sorgeva l’antica Veio, la più potente città etrusca che diede a lungo filo da torcere a Roma cadendo nelle grinfie dell’Urbe solo nel IV secolo a. C.; una campagna che ospita tracce preziose di questa fiorente civiltà come la confinante tomba dei Leoni Ruggenti scoperta nel 2006.

Mentre visitiamo in lungo e in largo le vigne che abitano colline vulcaniche, finisco col sentirmi travolto dalla bellezza delle tracce di tanta antichità, immaginandomi parte di queste epoche, per poi appartarmi nella grotta di tufo scavata sotto la proprietà dove dimorano le botti di rovere.

Nel calice il Bombino Bianco Horta, figlio di un vitigno presente nella campagna romana da sempre, con la sua forma particolare che ricorda un bimbo in fasce da cui deriva il suo nome.

WEB SITE
GALLERY
ULTIMI POST
2021-09-19T09:35:41+01:00
Go to Top