Vino Nobile di Montepulciano Vigneto Campaccio Riserva 2013 TIBERINI

Home » Vino Nobile di Montepulciano Vigneto Campaccio Riserva 2013 TIBERINI

ANNATA:

2013

PRODUTTORE:

Tiberini

PUNTEGGIO:

95

NAZIONE:

Italia

REGIONE:

Toscana

FILOSOFIA PRODUTTIVA:

Biologico

COLORE:

Rosso

TIPOLOGIA:

Secco

DENOMINAZIONE:

Docg

FORMATO BOTTIGLIA (L):

0,750

GRADAZIONE (%):

14.5

PREZZO:

55

UVE:

Prugnolo Gentile 90%, Canaiolo 5%, Mammolo 5%

Luca

DEGUSTAZIONE:

È splendente la veste rubino dai riflessi granato. La brezza olfattiva è inebriante, quasi sensuale per esplosione di frutta a pasta rossa e arancia, pot pourri di spezie, viola mammola e rosa, ventata balsamica, tono di salamoia, ferro e liquirizia. Bocca avvolgente, carnosa, stracolma di vellutata morbidezza, ha tannini educati e soave freschezza. Lunghissima la persistenza.

ABBINAMENTO:

Coscio d’agnello al forno

ANNATA:

2013

PRODUTTORE:

Tiberini

PUNTEGGIO:

95

NAZIONE:

Italia

REGIONE:

Toscana

FILOSOFIA PRODUTTIVA:

Biologico

COLORE:

Rosso

TIPOLOGIA:

Secco

DENOMINAZIONE:

Docg

FORMATO BOTTIGLIA (L):

0,750

GRADAZIONE (%):

14.5

PREZZO: 

55

UVE:

Prugnolo Gentile 90%, Canaiolo 5%, Mammolo 5%

Icona Luca Grippo 100

DEGUSTAZIONE:

È splendente la veste rubino dai riflessi granato. La brezza olfattiva è inebriante, quasi sensuale per esplosione di frutta a pasta rossa e arancia, pot pourri di spezie, viola mammola e rosa, ventata balsamica, tono di salamoia, ferro e liquirizia. Bocca avvolgente, carnosa, stracolma di vellutata morbidezza, ha tannini educati e soave freschezza. Lunghissima la persistenza.

ABBINAMENTO:

Coscio d’agnello al forno

MATURAZIONE

20m. botte grande, 28m. tonneau

Icona Temperatura

TEMPERATURA

18° C

Bicchiere Grand Cru

BICCHIERE

Grand-Cru

QUANDO BERE

dal 2021

Le lancette dell’orologio corrono spietatamente in avanti: sono alle Anteprime di Toscana, a Montepulciano, la bella serata di gala si è già felicemente consumata il giorno prima. Dove vado a cena? Tante le alternative, la più intrigante è quella di restare a fare due chiacchiere nella Fortezza Medicea con gli addetti ai lavori e mangiare un boccone. Accanto a me un signore distinto, di mezza età, con un portamento elegante che mi ricorda un uomo di altri tempi. Non so chi sia ma cominciamo a discorrere di vino, e lui mi illumina con le sue storie, che sono intrise di bello, di intimo e di grandioso: parla come un operaio del vino e manifesta idee pregevoli. Accanto a lui un bel ragazzo, dai modi distinti, che scopro essere suo figlio, un ex giocatore di calcio che ha lasciato il mondo di paillettes per dedicarsi alla terra di famiglia che fu ancor prima del padre di suo nonno. Ho conosciuto così Luca Tiberini, un valentuomo elegante e schietto, che in un paio d’ore mi ha trasmesso tanto sul vino e ricordato che la terra non finisce mai di raccontarsi. Oggi vi parlo di un suo vino che mi emoziona, come il mattino più bello e più limpido, pensando ai momenti in cui è stato concepito, e così mentre lo degusto muoio di malinconia per qualcosa che non ho avuto la fortuna di vivere.

WEB SITE
ULTIMI POST
2021-05-08T20:17:25+01:00
Torna in cima